Pagina:Malombra.djvu/437

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 433 —

Palazzo in onta alla propria dignità con un coperto proposito di colpa, per farvisi complice di una mortale nemica del conte, mentre quest’uomo che lo aveva amato e beneficato giaceva oppresso dalla infermità. Ma pure, se rimanesse libero, non vi sarebb’egli modo di rialzarsi ancora, di purificarsi questa lunga espiazione amara? Una voce occulta gli sussurrava nel cuore qualche speranza, gli ripeteva le parole di Edith: — non affonderà mai, se ama come lo dice. — Non era più il Silla di prima che fantasticava così, seduto sul letto, mentre l’angelo del Guercino pregava sempre. Adesso l’idea del suicidio si era allontanata dalla sua mente. Non voleva ancora pigliare alcuna risoluzione per l’avvenire: aspetterebbe di aver visto donna Marina, di averle parlato. Oh, se Dio volesse essergli pietoso, rialzarlo una volta ancora! Il suo sentimento religioso, la sua fede in un segreto contatto di Dio con l’anima e nella salutare potenza del dolore, rinascevano. Si coperse il viso colle mani e si sovvenne di un’ora triste in cui, aperta la Bibbia a caso, vi aveva letto — Infirmatus est usque ad mortem, sed Deus misertus est ejus. Quanta consolazione, quanta energia di vita in questo pensiero! Immagini di un futuro migliore gli sorgevano spontanee nella mente ed egli le combatteva, temendo illudersi, prepararsi disinganni più amari. Entrare, per punirsi, nella manifattura de’ suoi parenti, dare il giorno al lavoro più ingrato, la notte agli studi, poter dire a quella persona — sono ancor degno ch’ella mi porti nell’intimo del suo cuore!

Queste immagini suscitavano dentro di lui una burrasca simile a quella che flagellava i tetti e le mura del palazzo. Lì pioveva ancora, ma le scogliere dell’Alpe dei Fiori nereggiavano sul cielo bianco, nitide, spazzate dal vento del nord che copriva pure le altre cime di fragore, infuriava, volendo sereno.



Malombra 28