Pagina:Mantegazza - L'anno 3000, 1897.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 l’anno 3000

Paolo e a Maria, era giovane e innamorato della sua scienza e il calore delle sue parole entusiasmava i due viaggiatori, che pendevano dal suo labbro. Tutto ciò che vedevano era per essi cosa nuova, e tutto ciò che udivano, pareva fosse una luce vivissima, che uscendo dalle tenebre del passato lontano, illuminasse le tenebre dell’avvenire....

— Ed ora, — disse l’ingegnere, — lasciamo l’êra di Watt e di Volta e passiamo in quella del Macstrong, l’ultima e la più feconda fra tutte.

Credo di non esagerare dicendo, che la scoperta di Macstrong è la più grande fra tutte quelle che onorano l’umanità, tanto per la sua originalità, quanto per i risultati che ha dato e il passo gigantesco che ha fatto fare alla civiltà.

E voi non credereste, che questa scoperta si deve ad una lucciola.

Questo piccolo insetto fu per quel grand’uomo ciò che fu la lampada della cattedrale di Pisa per Galileo e la mela caduta