Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 principii generali [§ 7-10]

libera nell’aria dovrebbe cadere verso il centro della terra. Invece spesso se ne allontana portata dal vento. Si potrebbe dunque dire che la legge di gravità patisce eccezioni; ma è locuzione impropria, non usata dai fisici. Vi sono semplicemente altri fenomeni che mascherano quelli che considera la legge di gravità1.

8. Ogni legge o uniformità è vera soltanto sotto certe condizioni, le quali stanno appunto ad indicare quali sono i fenomeni che vogliamo sceverare dagli altri. Per esempio le leggi chimiche dipendenti dall’affinità sono diverse secondo chè la temperatura sta entro certi limiti, o li varca. Sotto una certa temperatura due corpi non si combinano; al di là di quella temperatura si combinano, ma crescendo ancora la temperatura oltre un certo limite, si dissociano.

9. Quelle condizioni sono parte implicite, parte esplicite. Non si debbono porre tra le prime che quelle le quali agevolmente e senza il menomo equivoco sono da tutti intese; altrimenti si scrive un indovinello e non un teorema scientifico. Non c’è proposizione al mondo che non si possa asserire essere vera sotto certe condizioni, che rimangono da stabilirsi. Le condizioni di un teorema fanno parte integrante di quel teorema e non ne possono essere disgiunte.

10. Noi non conosciamo, non conosceremo mai, un fenomeno concreto in tutti i suoi particolari; vi è sempre un residuo. Qualche volta ciò si vede anche materialmente. Per esempio, credevamo di conoscere interamente la composizione dell’aria atmosferica. Invece un bel giorno si scoperse l’argon, e poscia,


  1. Les systémes socialistes, II, pag. 75 e seg., Paris, 1903.