Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/276

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
266 i gusti [§ 58-60]

gare all’accollatario, considera un muro come un parallelepipedo rettangolare, sarebbe proprio ridicolo osservargli che il muro non è un perfetto parallelepipedo geometrico, e scioccamente pavoneggiarsi discorrendo a proposito del rigore delle matematiche. Eppure di tali messeri ne capitano, quando si ragiona della scienza economica.

59. La linea dei baratti si ha unendo i punti c, c', della fig. 31, oppure i punti c, c......... della fig. 33, in cui i sentieri rettilinei moventi da un punto analogo al punto a della fig. 28 sono tangenti alle piccole curve che sostituiscono gli angoli; oppure i punti analoghi che si avrebbero se i sentieri movessero da un punto situato sull’asse o B.

60. Supponiamo che le ofelimità elementari di A o di B sono indipendenti, cioè che l’ofelimità elementare di A dipende solo dalla quantità di A, e l’ofelimità elementare di B dipende solo dalla quantità di B. Tale proprietà si traduce graficamente nel modo seguente. Seguiamo una retta qualsiasi u v parallela ad o B, e facciamo tante sezioni b h, b' h',....., parallele ad o A. Il colle dell’ofelimità sarà sezionato secondo tante curve b c, b' c'...; l’inclinazione sulle linee orizzontali bh, b'h'.., delle tangenti b t, b' t'...., a quelle curve, nei punti b, b'....., è eguale all’ofelimità elementare di A corrispondente alla quantità ou di A (§32). Poichè quell’ofelimità elementare non varia colla quantità di B, le inclinazioni delle tangenti b t, b' t'....., sono