Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
380 la popolazione [§ 53-54]


53. Popoli molto ricchi hanno una natalità assai scarsa, onde potrebbesi ritenere che il valore assoluto della ricchezza opera in modo direttamente contrario alle variazioni della stessa ricchezza. Rimane per altro un dubbio. Potrebbe darsi che tra la ricchezza assoluta e la natalità non corresse una relazione di causa ad effetto e che quei due fenomeni fossero invece conseguenza di altri; che cioè vi fossero certe cause per le quali ad un tempo cresce la ricchezza e scema la natalità.

54. Le condizioni economiche non operano solo sul numero dei matrimoni, delle nascite, delle morti, del numero della popolazione, ma bensì anche su tutti i caratteri della popolazione, sui suoi costumi, sulle sue leggi, sulla sua costituzione politica. Certi fatti non sono possibili che in grazia di un aumento notevole di ricchezza. Presso i popoli che hanno appena di che cibare i loro adulti, si uccidono facilmente i bambini, si distruggono sistematicamente i vecchi1; presso i ricchi popoli moderni si stanno istituendo pensioni pei vecchi e gli invalidi. Presso i popoli poverissimi la donna è trattata peggio di un animale domestico; presso i popoli civili, presso il ricchissimo popolo degli Stati Uniti d’America, è diventata un oggetto di lusso che consuma e non produce2. Occorre evidentemente, perchè un tale fatto sia possibile che la ricchezza del paese sia


  1. Cours, § 247
  2. In senso favorevole al femminismo americano, vedasi Th. Bentzon, Les amèricaines chez elles; in senso contrario, un’inchiesta di Cleveland Moffet di New York, riprodotta nel Mercure de France, 1904: «Il nostro paese, dicono certi americani, è quello in cui le donne ricevono più dall’uomo e ad esso danno meno. Per esse