Pagina:Manzoni.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 i promessi sposi.

manzoniano gli sa talvolta «del mendicato e del picciolo.»

E qui, nel tempo stesso che l’accusa, vuole parer di scusarlo, accusandolo un po’ di più: «Se non che (scrive il Tommaseo) da un uomo che segue con amabile semplicità i miti impulsi del suo bel cuore e del suo raro ingegno, non è poi da esigere un freddo rigore in seguire quella certa convenienza di tuono, ch’è così facile a degenerare in sistema, ed a farsi monotonia. Egli è lecito però l’affermare, che nel tuono di questo libro domina insieme col vasto non so che di vago, che alla fin fine potrebbe essere il difetto di chi si abbassa a soggetti minori della propria grandezza. Perchè se quel libro è fatto pel volgo, è tropp’alto; se per gli uomini colti, è tropp’umile. In questo libro sarebbe a desiderare un far più svelto e più franco. La modestia dell’Autore si spinge, se è lecito dire, talvolta sino a diventare orgogliosa. Egli teme di non iscolpire abbastanza i caratteri, di non fare abbastanza impressione; perciò si ferma su tutto. Se invece di mostrarsi conoscitore degli uomini in genere, Manzoni avesse voluto spiegarci solamente i misteri di quel pezzo d’uomo che è l’uomo morale, allora egli sarebbe stato sempre grande; ma allora non avrebbe fatto un romanzo. Manzoni talvolta lascia immaginar troppo al lettore, talvolta nulla; il suo tuono è il tuono d’un uomo superiore che si abbassa per giovare altrui, ma talvolta par non si abbassi che per piacere; e questo lo fa troppo lepido. La sua naturalezza è quasi sempre artifiziata, ma di un’arte sublime; le sue intenzioni vanno sempre al di là delle