Pagina:Manzoni.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
42

VII.


Il Manzoni poeta satirico.


In questi versi vi è già la forza, ma non ancora la finezza dell’umorismo manzoniano. Egli li apprese troppo di fresco nelle scuole, per poterli già smettere, quell’accento rettorico, quel fare magniloquente che presto sdegnò ed evitò poi sempre negli altri suoi scritti. La rima stessa doveva inceppargli il pensiero; la terzina imporgli quasi l’obbligo d’imitare ora Dante ora il Monti, quando, non imitando alcuno, egli avrebbe già, fin d’allora, potuto rivelarsi come Manzoni. Negli anni seguenti, sebbene egli ricordasse ancora altri modelli poetici, avendo preferito il verso sciolto e quella forma di sermone pedestre che, nel secolo passato, il veneziano Gaspare Gozzi avea messo in qualche voga, il Manzoni potè sfogar meglio il suo umore satirico. I suoi Sermoni giovanili che si conoscono, pubblicati dal professore Antonio Stoppani, risalgono agli anni 1803 e 1804. Il terzo Sermone, diretto all’amico Pagani, fu scritto dalla patria stessa del Gozzi, nel marzo dell’anno 1804.1 Il Poeta sente d’avere un po’ malato il cervello; egli s’era innamorato in quel tempo, egli, diciottenne studente, di una ragazza veneziana sulla trentina, ed era andato tanto in là ne’ desiderii e nelle speranze da chiederle la mano. «All’età vostra (gli fu risposto) si pensa

  1. Veggasi la lettera diretta da Venezia al Pagani, pubblicata dal signor Carlo Romussi.