Pagina:Manzoni.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

carme autobiografico. 79

Di te fu pieno, e quanta parte avesti
Degli estremi suoi moti. — Or, poi che dato
Non m’è, com’io bramava, a passo a passo,
Per man guidarti su la via scoscesa,
Che, anelando, ho fornita, e tu cominci,
Volli almeno una volta confortarti
Di mia presenza.


L’Imbonati, non credendo forse ancora imminente l’ultimo suo giorno, avea diretta al giovine Manzoni che, in quel tempo, dovea condurre fra la gioventù milanese una vita alquanto dissipata, una prima ed ultima lettera eloquente, dove gli dava alcuni suoi consigli amorosi, fiducioso certamente di deporre il buon seme in ottimo terreno. Il Manzoni, alla sua volta, rispose con una lettera caldissima; ma la risposta arrivò all’Imbonati, quand’egli avea già chiusi gli occhi alla luce.

Mi si domanderà: Come sapete voi questo? In quale biografia l’avete voi letto? Avreste, per avventura, vedute quelle preziose lettere? No: lo non le ho vedute; ma ho semplicemente letto, con intento biografico, i versi stessi del Manzoni. Gli abbiamo letti anche noi, e sono chiari abbastanza da non abbisognare di commenti. Io ne convengo perfettamente, e vi prego dunque soltanto di rileggerli ancora una volta:

. . . . Allor ch’io l’amorose e vere
Note leggea, che a me dettasti prime,
E novissime fôro, e la dolcezza
Dell’esser teco presentìa, chi detto
M’avrìa che tolto m’eri! E quando in caldo