Pagina:Marinetti - Scatole d'amore in conserva, 1927.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

da giardini minuscoli. Poi, boschetti di palme si profilarono sull’orizzonte albeggiante.

Alba triste, stanca e disillusa. Sulla campagna fosca era effuso un silenzio di morte. Lentamente il cielo si striava d’argento verdognolo. Oltre i campi coltivati, l’ondulazione delle sabbie si coloriva delicatamente di viola alle carezze della luna declinante. Una luna calda e molle, color di ruggine gialla, calava, come una goccia d’oro, verso il mare lontano.

Piantagioni di banani soffocarono la strada e ci sentimmo deliziosamente bagnati dalla freschezza profumante dei verzieri.

Una tenda di beduini frastagliò il pallore del cielo, apparendo in lontananza, simile ad un enorme vampiro dalle ali membranacee spiegate e inchiodate a terra.

Con curiosità, io studiai la bizzarra geometria delle sue tele rappezzate, delle sue balzane arlecchinesche d’ocra sporca e di ruggine, che si arrotondavano al vento del deserto come vecchie carene.

Davanti all’apertura della tenda, una piccola siepe di rami e di pezzi di latta, e alcune capre d’una magrezza schifosa, che trascinavano mammelle flosce e prolisse.

Un cane rognoso, scorticato, scheletrico, ci corse incontro rabbiosamente...

Quella era la tenda di Abdul el Ragel, fratello di Mohamed.

Saldi Abdul! — gridò la nostra guida.

Saidiya Mohamed! — rispose una voce dall’interno.


57