Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


occhi. Mi proverò. Volete seguirmi, signora, nel mio laboratorio?

Entrano mentre Mario si sdraia sul muretto di sinistra guardando il mare, un sigaro in bocca.

Eugenia

dall’interno:

Mario! Mario! Il grande blu è raggiunto. Quel pomeriggio sul mare equatoriale, ti ricordi? Cosí, cosí. Vieni a vederlo. Identico!

Mario

fumando indolentemente:

Non mi muovo. Sono sicuro che è molto inferiore a questo azzurro di mare catanese.

Eugenia

Anche l’arancione è riuscito. Stupendo! Vedrai come sarà bella la nostra festa pirotecnica. Ora proviamo il rosso.

Porpora

dall’interno con voce autoritaria:

Per raggiungere ciò che intendo per rosso, io, occorre che vi allontaniate. Preferisco rimanere solo.

Eugenia

Vorrei... Permettete.

Porpora

Non è possibile.


149