Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Seconda sintesi

IL TRENO DI RARA

Ufficio del Capostazione. Porta-finestra e finestra aperte sul passeggiatolo della Stazione. Contro il muro opposto una tavola coll’apparecchio telegrafico. A destra un paravento davanti a una porta aperta sull’appartamento del Capostazione. Davanti alla finestra un attaccapanni.

Imprecisi

al venditore di ovatta che entra:

Lei vende ovatta?

Il mercante d’ovatta

gesti anguillosi e svenevoli. Voce bianca e flebile di capretto:

La migliore qualità: antirissa!

Imprecisi

Si accomodi. Permette?

Esce un istante sul passeggiatolo e rientra.

Il mercante d’ovatta

Che stazione beata!


459