Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Imprecisi

Seduce anche gli omnibus lei?

Il seduttore di treni

Preferisco i diretti.

Imprecisi

Quello specchio è certo un regalo per sua moglie.

Il seduttore di treni

No! Serve a tutti. Ogni uomo cerca il suo specchio, per guarire una sua solitudine piú o meno incurabile. L’oceano è lo specchio di Dio. I laghi lombardi sono gli specchi ovali dell’elegante Europa. Chi corre perde la sua faccia a brandelli. Io, vispo, gliela ritrovo e presento rinfrescata in un bagno limpido. Mi chiamano il fornitore di coscienze.

Imprecisi

Mestiere poco lucrativo!

Il seduttore di treni

Una volta dovevo accontentarmi del passaggio delle allodole e dei tenori egualmente appassionati per gli specchi. Ora, però, coi treni va meglio. Mi capita di piantare a tempo negli occhi del macchinista un riflesso, e di evitare cosí uno scontro ferroviario. Ieri, col mio specchio, ho ripigliato a volo un treno che deragliava!

            Mi dicon nevrastenico:
            Odio tutti i tics
            Odio tutti i tacs
            Quando si sente il paac
            E’ una liberazion!

466