Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/501

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


9° Macchinista

Idea cretina!

Il mercante d’ovatta

Volete un po’ d’ovatta sulla lingua?... Per bere la soave miscela di bimbe, sposini, lettere d’amore, società di beoni e suicidi tutti fusi dalla velocità?

9° Macchinista

Cosa farete delle undici locomotive?

Il mercante d’ovatta

Appagherei i loro fumi ambiziosi concedendo ad ognuna il piacere di tirare alternativamente il treno unico.

9° Macchinista

Bel risultato! Gli undici treni congiunti coprirebbero l’intera distanza da percorrere. Per modo che l’ultimo vagone sarebbe a Bravetta e la locomotiva a Pax!

Il mercante d’ovatta

Vi sembra un po’ lungo codesto treno, lunghetto, lungagnone, lungimirante, lungarrivato!... Una specie di corsa immobile, un corridoio per corridori fermi, un serpente di vagoni che digerisce i chilometri prima di averli mangiati... Mi capite?

9° Macchinista

Noi non abbiamo tempo di scherzare. Concludendo, io solo sono pronto. Mentre per chiudere gli sportelli del treno dei beoni occorre per lo meno un’ora, posso dare il fischio e scattare. Sono pronto, anzi prontissimo al suicidio.

500