Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/556

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Vasto

imperiosamente prima che gli ambasciatori rispondano:

Ciò che succede a Venezia è cosa interna, interna, nostra!

Lord Antiquity

No, con vostra licenza ciò che succede a Venezia è affare internazionale. Venezia interessa la civiltà del mondo. Perciò nostro malgrado, credetelo, nostro malgrado siamo costretti ad intervenire. Oggi la Francia, la Germania, l’Inghilterra, la Spagna e le Americhe piangono su Venezia iniquamente bombardata e distrutta da voi.

Vif- Glin

cercando di frenare un’irrefrenabile risata che tronca la parola di Lord Antiquity:

Ah! Ah! Ah!

Lord Antiquity

seccato, continuando:

D’altra parte voi, Vasto, avete coi vostri compagni iniziata la costruzione di nuove città sul terreno artificiale conquistato nel mare allo scopo di raggiungere così un ingrandimento della penisola non contemplato nei trattati. Debbo dichiararvi che le cancellerie europee sono vivamente agitate da questo vostro imperialismo.

Vif- Glin

Ah! Ah! Ah!

Lord Antiquity

seccatissimo, continua:

Concludendo, per difendere l’integrità passata di Venezia e l’integrità presente dell’Europa ho l’onore di presentar-