Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



255.Risoluta di cedere al destino
va Psiche per sommergersi in quell’onde;
ma verde Canna, che del rio vicino
vive su le palustri e fresche sponde,
animata da spirito divino,
e mossa da leggiere aure seconde,
ode con dolce e musico concento
sussurrar questo suon tremulo e lento:

256.«O da tanti travagli e sí diversi
essercitata per sí lunghe vie,
deh non volere i bei cristalli tersi
macchiar col sangue tuo de Tacque mie;
né contro i Mostri andar crudi e perversi,
ch’abitan queste spiagge infami e rie:
fere, c’han di fin or la pelle adorna,
ma sasso hanno la fronte, acciar le corna.

257.Tocche dal Sol, qualor piú forte avampa,
entrano in rabbia immoderata orrenda,
dal cui dente crudel morte non scampa
chiunque il morso avelenato offenda.
Aspetta pur, che la piu chiara lampa
a mezo ’l cielo in su ’l meriggio ascenda:
nel centro allor de l’ampia selva ombrosa
la greggia formidabile si posa.

258.E tu di quel gran platano nascosta
sotto i frondosi e spaziosi rami,
fin che Tira dormendo abbia deposta,
potrai tutto esseguir quantunque brami,
e secura carpir quindi a tua posta
de l’auree lane i preziosi stami,
che rimangon negli arbori che tocca
implicati e pendenti a ciocca a ciocca».