Pagina:Marino, Giambattista – Adone, Vol. I, 1975 – BEIC 1869702.djvu/318

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LA TRAGEDIA

3*6

151.quando svegliossi Adone, e sí s’accorse
che giá chiaro i balconi il Sol feriva.
Si terse i lumi col bel dito, e sorse
da Mercurio invitato, e da la Diva.
La bella Citherea la man gli porse,
e per la via che ne la corte usciva,
menollo in un Giardin, presso il cui verde
degli Elisi beati il pregio perde.