Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
246 parte quinta

XV


ECCE HOMO

di Rafaello da Urbino.


     È questa, oimè, del tuo celeste figlio,
l’imago, o re del ciel? son queste quelle
guance sí care agli angeli e sí belle,
che diêr l’ostro a la rosa, il latte al giglio?
     Son questi i sereni occhi? è questo il ciglio
ond’ebbe il sole i raggi e le fiammelle?
questo il crin da cui l’òr trasser le stelle,
or tutto, ahi lasso! lacero e vermiglio?
     Qual cruda man commise il crudo scempio?
e qual pietosa de le membra sante
ritrasse in vivo lino il caro essempio?
     Questo sol ti sia specchio, anima errante;
Dio novo Dio fe’ l’uomo. Ahi, fu ben empio
l’uom, ch’a Dio tolse d’uom forma e sembiante!


XVI


IL MARTIRIO DI SANTA CATERINA VERGINE

del Contarini.


     Questa in ricca tabella
bella tra’ ceppi e tra le rote imago,
de lo real di Dio sposa ed ancella,
opra è de l’arte, ed ella
fa che viva e che spiri.
Chiedi tu, che la miri,
ond’è che non favella?
Non sa la vergin bella
(tanta sente dolcezza infra i martíri),
non che voci formar, tragger sospiri.