Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/305

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

versi di occasione 293

XXI


IN MORTE DI FILIPPO II

(1598)


     Vinto e sommesso oltre i confin del polo
l’Indo al suo giogo e l’ultimo Oceáno,
domo l’Insubre, oppresso il Lusitano,
lasciato il Belga in memorabil duolo;
     fugato in sul Danubio il tracio stuolo,
rotto in Ambraccia il perfido Ottomano,
tolto l’orgoglio al Siro, a l’Africano,
fatto di mille imperi un regno solo:
     poiché de’ pregi a l’onorata salma,
che l’invitto Filippo accolse e strinse,
non mancava altra omai vittoria o palma;
     vincitor di duo mondi, alfin s’accinse
al mondo de le stelle, e pur con l’alma,
non potendo con l’armi, il vide e vinse.


XXII


GIUNGENDO A ROMA

nell’anno santo.

(1600)


     Felici colli, simulacro vero
del valor de le chiare alme latine,
in cui serpe fra l’edre e le ruine
la maestá del giá caduto impero;
     non per veder nel Campidoglio altèro
statue o colonne incenerite alfine,
né quanto de l’antiche opre divine
contra ’l tempo e l’oblio si serba intero;
     ma per baciar de la salute il segno
sul piè del gran pastor sacrato e santo,
dietro l’orme del core a voi ne vegno;
     e ’l sangue e l’ossa degli eroi, che tanto
qui sudâro a fondar piú stabil regno,
lavar pietoso ed ammollir col pianto!