Pagina:Marino Poesie varie (1913).djvu/355

Da Wikisource.

epitalami e panegirici 343

182

     Testimoni ne sien d’Agauno e Berna
i ribellanti popoli perversi:
questi presso Colonge, a gloria eterna
del suo sommo valor, rotti e dispersi;
quei, dal vicino essempio impauriti,
vinti ne l’apparir, pria ch’assaliti.

183

     Cosí col nome piú che con la mano
ha le forti talor schiere disfatte,
e, sol col vento de le penne, al piano
la sua gran fama l’alte mura abbatte;
e le stragi non ama, e vince in guerra
quando perdona, piú che quando atterra.

184

     E te chiam’io, che testimonio invitto
fosti di sangue al tuo celeste amante;
e chiamo voi, del Martire traffitto
ossa onorate, ossa beate e sante,
che cambiate col regno e che preposte
ne’ sacri patti a la vittoria foste.

185

     Onde successe e dilatossi poi
l’inclito stuol de’ cavalier pregiati,
del santo duce imitatori eroi,
del celeste carattere segnati,
ch’or sotto il gran campion milita e regna,
riformator de la famosa insegna.

186

     Memorabil virtú d’anima pia,
ch’al nemico benigna, al reo pietosa,
la spoglia opima e trionfale oblia
per una spoglia essangue e sanguinosa,
ed ai celesti e non caduchi beni
posterga i corrottibili e terreni.