Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 trattato

stato sepolto (1). Appresso a Siena in un monte chiamato Vico, un’altra ragione si trova di tiburtino nero, più poroso degli altri e di più durezza, della quale perfetta calcina si può fare; e di questa si trova nella Mon- tagnola vicino al monte predetto in grandissima quantità. Non molto distante da questo monte è un fiume nominato Bolgione dove una vena di pietra si trova con tutti gli accidenti e apparenze di legno in durezza, in colore, con vene e nodi, la quale messa nel fuoco leva fiamma come legno; ma vero è che non si consuma sensibilmente, e messa in acqua discende al fondo, in modo che non vedendo il luogo proprio e la miniera sotterranea sua, da ogni sottile ingegno saria indicata legno: ha in se queste proprietà che mentre che arde moltiplica estraneo odore (2). Nella foce di Eugubio grande continuità si trova di una pietra assai bianca, e ha in sè soave odore, dura e atta a ogni edifizio. Queste adunque sono le principali specie di pietra atte agli edifizi: le altre che sono note sono buone per ripieno, non potendosi avere delle predette per alcuno impedimento.


CAPO VII.

I mattoni.

L’arte imitatrice della natura, secondo che afferma Aristotile nel secondo della Fisica (3), oltra tutte le altre pietre naturali, ne ha escogitata una della quale si fanno i muri perfettissimi, e ciascuna specie di edifizio: per notizia della quale prima è da determinare della materia di quella, di poi della forma. La materia si trova di più differenze; la prima è chiamata creta, della quale si fanno i vasi fittili, e questa perchè per se sola troppo si frange, non è meno accomodata se non

  1. Cioè Chernite (Plinio, XXXVI, 28) Chernites ebori simillimus, in quo Darium conditum ferunt.
  2. Il codice sanese ( f.o 9. r.o): Ha in se piacevole proprietà che mentre che arde moltiplica assai bono odore.
  3. Physicae Auscult. II, 2.