Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 vita


Era allora quel duomo condotto all’altezza maggiore delle navi, ed istante la costruzione della cupola (quale Tiburio chiamavano) temevano gli operai della fabbrica di avventurarvisi senza il previo consulto dei più famosi architetti: pertanto nell’adunanza del 13 aprile 1490, esposero che dopo di avere comunicato il loro desiderio agli ambasciatori ducali residenti in Roma, Napoli, Venezia e Firenze (1): Qui nobis rescripserunt in dictis partibus ullum invenisse ingeniarium idoneum et sussistentem ad ipsum tiburium perficiendum, vengono per ciò nella seguente determinazione (2): Quapropter predicti domini pluries inter eos habita matura consultatione, sumptisque opportunis informationibus de sufficientia, rectitudine, et experientia architectorum seu ingeniariorum hac in civitate et ducatu Mediolani comorantium, ipsorumque disputationibus auditis existimarunt magistrum Jo. Ant. Amadeum, et magistrum Jo. Jacobum Dulcebonum ceteris omnibus prevalere quos predictos architectos eligerunt et presentium tenore eligunt in architectos seu ingeniarios ad ipsum tiburium ecclesiamque perficiendum. Declarantes tum ac volentes quod ipsi ambo ingeniarii seu architecti eligant modelum eis prelaudabilius ex modelis in ipsa fabrica existentibus, quem reducant ad illam perfectionem prout corum prudentie videbitur. Injungentes ac deliberantes et presentium tenore ordinantes et deliberantes modelum ipsum videri et judicari debere cum ad perfectionem erit reductum vel ne per magistrum Franciscum de Georgiis de Urbino instantem in civitate Sene et per magistrum Lucam Florentinum istantem in civitatem Mantue, quos ex tenore presentium eligerunt et eligunt in judices et scrutatores perfectionis ipsius modeli.

Questa deliberazione dimostra come l’ingegno e le opere di Francesco

  1. Bella ed onorata gloria ora questa di Firenze che ad essa ricorresse chi voleva un ottimo architetto: già detto aveva Federigo d’Urbino che prima di conoscere Luciano di Laurana aveva cercato in Toscana dove è la fontana delli architettori; e non molto dopo aggiungeva Luca Paciolo, che chi oggi vol fabricare in Italia e fare subito recorreno a Firenze per architecti.
  2. Archivio della Fabbrica del Duomo di Milano. Liber rubeus detto Liber tertius, f.o 200. Questi libri contengono le copie sincrone degli atti, giacchè gli originali sono smarriti. Io ne devo la comunicazione alla gentilezza del Conte Ambrogio Nava amministratore della ven. fabbrica di quella cattedrale.