Pagina:Martini - Trattato di architettura civile e militare, 1841, I.djvu/80

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
60 vita

voglia trovato Francesco a competere col Pontelli. Ora ecco la lettera di Virginio (1).

Magnifici domini tamquam patres et domini honorandi. «Perchè me occurre fare una forteza in uno castello de li miei chiamato Campagniano, havendo inteso che maestro Francescho da Siena se trova in queste bande, per essere lui homo sufficiente in simili exercitii, pregho le V. S. ad mia contemplatione li vogliano concedare licentia possa venir fin qua a vedere questo, perchò ho carissimo intendare el parere et juditio suo: di che le V. S. mi faranno gratia singularissima; commemorando questo con altri benefitii da quelle receputi: a le quale continuo me offro et raccomando». Brachiani die IIII.o novemb. 1490.

E. V. D. tamquam filius G. Virginius Ursinus

D. Aragoniae Regis armorum generalis capitaneus.

Direzione: Magnificis dominis tamquam patribus honorandis offitialibus civitatis Senarum.

A tale onorevole chiamata è notata ne’ seguenti termini la risposta della repubblica (2); VIII novembris 1490. Domino Virginio Ursino scriptum fuit qualiter non obstante quod egeamus continuo opera magistri Francisci architectoris nostri, tamen ut illi morem geramus, concessimus licentiam ut per aliquot dies (sic) et cum hac die destinaverimus quosdam cives nostros in nostro comitatu, cum quibus est necesse ut idem magister Franciscus conveniat. ortamur ut in termino X dierum ipsum ad nos remictat.

Da Siena a Campagnano non è gran tragitto: andovvi, disegnò la fortezza e fu accomiatato da Gentil Virginio colla seguente onorata ed amichevole epistola (3):

Magnifici domini tamquam patres et domini honorandi.

«Maestro Francesco de Giorgio è stato equì, et viduto et disegnato quella forteza, che io volea far ad Campegniano, et anche alchune altre cose a mi necessarie in questi lochi: donde mi trovo tanto

  1. Arch. cit., filza cit. Gaye doc. CXXXVII.
  2. Arch. cit., copialettere n.o 118. Gaye in calce al doc. CXXXVII.
  3. Arch. cit., filza cit.