Pagina:Mastriani - La cieca di Sorrento 1.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 111 —

verso un nomo che, giovine, ricco, di bel volto ed ingegno, e che pretender poteva ad un brillante maritaggio, avea scelta per sua sposa una povera cieca.

Ma era poi vero l’amor di Amedeo?


III.


il medico inglese.


Verso le due pomeridiane della stessa giornata, un grazioso carrozzino tratto da due cavalli sauri fermavasi alla villa Rionero. Due signori ne scendevano.

L’un di loro, smontato il primo, offriva la destra coverta da guanto paglino ali’ altro, e gli diceva in inglese:

Please to step down, sir1.

E l’altro, senza toccar la mano del suo compagno, d’un balzo fu a terra.

Nell’entrar che fecero pel cancello, incontrarono il marchese Rionero, che era sceso a riceverli.

— Da bravo. Conte mio; era sicuro che non mi avresti mancato di parola questo signore è...

— Mister Oliviero Blackman, il famoso dottore di Londra, di cui ti ho scritto prodigi.

Il medico chinò leggiermente il capo, e il Marchese facevagli profonda riverenza.

— Parla italiano il signore?

  1. Piacciavi scendere, signore.