Pagina:Mastriani - La cieca di Sorrento 1.djvu/193

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 193 —

XII.


un ricordo inopportuno.


Il domani di buon’ora Gaetano partiva per Napoli, dopo aver rassicurato il marchese e Beatrice, promettendo loro di non battersi col cav. Amedeo.

— Non dovrò adoprare altre armi, ei disse loro, che una parola... Non dubitate; resterò tutta questa giornata in Napoli, avendo lasciato le mie carte all’Albergo delle Crocelle... Domattina ritornerò a Sorrento per non più dipartirmene.

Il marchese gli accomandò prudenza e circospezione, ed il pregò di consegnare al cavaliere la lettera che gli avea scritta il giorno innanzi, e che nel trasporto della sua collera avea dimenticato di dargli.

— Verso le undici antimeridiane, Gaetano giunge a Napoli.

Ei portossi immantinente alle Crocelle, assestò le sue carte, si fece recare abiti nuovi e tagliati all’ultima moda, si vestì con ricercatezza, caricò una pariglia di pistolette inglesi a quattro colpi e le pose nella tasca di lato della sua giubba di color fumo di Londra, ov’era benanche riposto un portafogli che conteneva gran numero di biglietti bancali, e un piccolo ordegno d’oro, nel quale erano rinchiusi varii gioielli.

Uscito dall’albergo, si fece venire una car-