Pagina:Mastriani - La cieca di Sorrento 1.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 87 —

allorché guardava la madre, una sentita corrispondenza di affetti; eravi un mistero, una pena, un’angoscia indicibile, cagione dèi delirio amoroso onde la madre la baciava inai sempre con furore.

Il giorno appresso al 22 gennaio 1827, il Marchese abbraccio sua moglie, baciò la bambina , monto nella sua carrozza; e disparve.

Albina resto sola in casa con la fanciulla.

Per istinto di solitudine, e per abbandonarsi alla sua tenerezza verso la figlia, ella avevaia nutrita e allevata da sé medesima * per modo che non avea giammai, e neanche per un sol momento, voluto affidarla a cameriera o a balia. Per quante preghiere il marito le avesse rivolte di teuer presso di lei una qualche cameriera , mai non avea voluto acconsentirvi, dicendo che dall’istante in cui era divenuta madre non avea d’uopo d’altra compagnia che di quella di sua figlia.

Durante il giorno,- non altre persone entravano in casa -ehe il cuoco e un cameriere.

La notte, Albina, per tutto il tempo che suo iparito era assente, stava’ «ola nel suo appartamento.

La giornata del 23 gennaio era stata parimente trista e freddissima; la neve.copri va tuttavia le campagne, le alture de’ monti, i tetti e le terrazze delle case — Verso il dechinar del giorno, levato si era un vento boreale, che saltai* facea le unghie per freddo acutissimo.

Da qualche ora eran cadutele tenebre, allor-