Pagina:Matini - In Mugello, Firenze, 1913.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


34 IN MUGELLO E una limpida voce femminea replica: Garofano di vaso, D’ ave fatto all' amor con te mi scuso Perchè ’l tuo amor non ni’ ha persuaso. A cui il cantore, accompagnandosi con i colpi di scure, «111 rami, dice, di rimando : Fiorili di canna, Non te ne innamora del cor di donna Par che ti voglia bene poi t! inganna. \Fot. u. ungaliia) Borgo S. Lorenzo - Il fiume Sieve. E mentre 1’ acqua gorgoglia sul letto ghiaioso la voce argen¬ tina prosegue : Ti gira il capo come un arcolaio, E fai come la macina al mulino, Delle dame ce ne hai un centinaio, Ma quella vera tu non sai qual sia. E t’hanno messo nome Girasole, Per tutto dove vai nessun ti vole, E t’ hanno messo nome Tiravento Per tutto dove vai, tu perdi il tempo. Viene la risposta: Rosa fiorita, Dalla passion _del damo sei malata Come le foglie hai fatto : sei ingiallita.