Pagina:Meditazioni storiche.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 prefazione.

sono solamente le storie semplici e propriamente dette, le narrazioni nude o poco meno, io ricorderò fin di qua pochi fatti nostri all’incontro. Uno de’ primati italiani più certi fu già questo appunto de’ Discorsi storici. Machiavello è anteriore di due secoli, Vico contemporaneo a Bossuet, che fu il primo grande fra gli stranieri meditatori di storia. Ei non fu se non nel secolo scorso, quando appunto si moltiplicavano e peggioravano altrove siffatti scrittori, che cessarono quasi interamente i nostri, non so s’io dica lodevoli per non aver seguiti quelli, o biasimevoli per non essersi loro opposti. Ad ogni modo, progredita e nel progredire ravviatasi questa nostra scienza, qualunque sia, nel secolo presente, non tutti gl’Italiani rimasero alieni a tale progresso, non tutti s’aggiunsero a’ disprezzi di esso. Romagnosi, Manzoni, Rosmini, Cantù, Gioberti, scrittori diversissimi, protestarono pur tutti contro col fatto; Manzoni direttamente coll’opera della Morale cattolica, gli altri indirettamente in molte parti dell’opere loro. A questi pochi, ma tali, io spero aver forse aggiunto il nome dell’amico mio Vidua, pubblicando un breve e forte scritto postumo di lui sullo Stato delle Cognizioni in Italia; a questi tentai poscia aggiunger me stesso con un saggio, per vero dire, molto leggiero, e tento aggiugnermi ora col presente meno incompiuto.

A coloro poi, che furono così benevoli a’ miei studi anteriori da confortarmi talora a continuarli, ei mi pare dover rendere conto brevemente come io me ne scosti qui in parte. Questo libro, di che pubblico il principio in età avanzata, io l’ebbi più o meno in cuore fin da quegli anni ultimi dell’adolescenza, primi della gioventù, in che si sogliono anticipare le idee della vita ulteriore; fin d’allora la storia universale fu oggetto, fu desiderio delle mie immature contemplazioni. Ma distrattone in gioventù dalla vita attiva, quando poi incominciai a scrivere, m’attenni a ciò che era men discosto da quella, alla storia della pa-