Pagina:Meditazioni storiche.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


fermi in qnell’interpretazione della parzialità e contemporaneità delle genti e cosi delle dinastie Egiziane.1E fermi vi staremo dunque noi; e vi ci confermeremo progredendo nelle età postdiluviane; tanto che quelle XVII dinastie primitive, le quali paiono ad alcuni voler tanto tempo a collocarle, ci parrebbero volerne anzi molto poco, ed adattarsi cosi non solo alle cronologie bibliche più late, ma forse meglio alle più strette e cosi all’Ebraica. Tuttavia, perchè in favor di questa non milita ninna concordanza di date prese dall’altre storie, ed è patente e meravigliosa all’incontro quella concordanza dell’anno 3100 tra le due ère diluviane del samaritano e dei settanta e le due Indiana e Cinese, perciò noi ci terremo, conchiudendo, a questa come alla più probabile, la più storicamente e criticamente provata nello stato presente della scienza. Nè quando si provassero, che non credo avvenga mai, successive le XVII dinastie, mi parrebbe perciò doversi rimuovere tal’èra; parrebbemi più consonante con tutta la storia, l’interpretazione che parecchie di quelle fossero aptediiuviane, non più che reminiscenze genealogiche simili all’Indiane ed all’Ebraiche. — Io poche parole, sembrami probàbilissima in critica, e importantissima per la stona la determinazione dell’èra del diluvio intorno all’anno 3100; ma non farò come coloro che

1

  1. Chi voglia prender idea della quistlone direttamente dai propugnatori dell’una e dell’altra opinione, vegga in generale Wisemann, loc. cit., Discorso Vili, pag. 89 e seg.; poi per la successivi tà ed universalità delle dinastie, Roseilini, Monumenti dell’Egitto e iella Nubia; monumenti storici, tomo III, ma principalmente tomo I, pag. 98; — ed all’incontro per la contemporaneità e moltiplicità, Heeren, De la politique et du commerce dee peuples de l’cmtiquité, tutto il tomo VI, ma principalmente l’appendice VI (della trad. fr.), che è uno degli ultimi lavori di quel grande storico, e risposta diretta al Roseilini.— Ai quali poi già vecchi d’una decina d’anni, chi voglia lo"stato nltimodella quistione potrà aggiugnere Howard Wise, OperaHone on the Pyramiie of Qieeh in 1897, London 1840; — Nestor l’HOte, Letlre.1 écrites d’Egypte m 1838 et 1839, Paris 1840; — Eclaircissemens sur le cercueil du rot Mycérinus} Iraduits de l’anglaii par Ch. Lenormant, suivie dune lettre par Lepsiue, Paris 1839;— gli articoli importanti dell’/nififuf, seconde section, avril 1840, e del Journal des savans, aunM841; — Egyptian history deduced from monumenta stili in emietence, London, Fraser, 1840, — e soprattutto l’annunzio dei lavori di Lepsius nelle sedute dell’Accademia di Berlino dei 33 gennaio e 6 febbraio 1840 nel sopracitato fascicolo dell’Metitut.— Questi ultimi importanti ed aspettatissimi lavori stanno, dicesi, per comparire. Vedi Bunsen, Lepsius e Barucchi.