Pagina:Memorandum sulla situazione politica in Italia.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Camera dei Deputati — 607 — Senato della Repubblica



ix legislatura — disegni di legge e relazioni — documenti

uno di di ispirazione social-laburista ed uno di ispirazione liberal-moderata o conservatrice, capaci di attrarre le due classiche componenti di ogni moderna società articolata in ceti medi e non più in classi.

Si tratta in sostanza di riparare agli errori compiuti dai socialisti e liberali italiani che rappresentano il vero motivo dell’avvenuta polarizzazione dell’elettorato interno al PCI ed alla DC.

A nessuno può sfuggire che dette formazioni - l’una classista e l’altra interclassista - rivelano obsolescenza fin dal momento in cui fanno ancora uso di tali definizioni. Esse debbono il successo finora riportato: l’una - il PCI - alla sua capacità di mimetizzazione pseudoliberale in seno alla nuova società italiana composta di ceti medi; l’altra - la DC - all’influenza della Chiesa il cui declino ha fatto declinare anche il braccio secolare politico per difetto di autonomi impulsi culturali in entrata ed in uscita.

La nascita però di due nuovi movimenti politici i quali riaggreghino le componenti democratiche esistenti nelle due mezze ali sinistra e destra degli schieramenti attraverso scomposizioni e ricomposizioni successive non è cosa di poco costo e tempo e pone ardui problemi di direzione umana.

A parte l’elemento costo, non sembra possibile, entro il breve tempo che ci separa dalle elezioni del 1977, operare un miracolo del genere, col problema per di più di dover trovare uomini nuovi disponibili e preparati che ne assicurino l’esito positivo.


C)

Non rimane quindi, nell’immediato, che puntare sulle componenti attuali del sistema in un ambito democratico che comprenda PCI, PSDI, PRI, DC e PLI con la possibile variente di una neoformazione di destra la quale permetta il recupero e lo scongelamento dei due milioni di voti moderati affluiti al MSI fra il 1971 ed il 1972. E’ certo che siffatta variante andrebbe fortemente colorita di antifascismo per evitare le inevitabili reazioni del PCI e dei suoi fiancheggiatori il cui precipuo interesse è oggi quello di non sciogliere affatto il MSI proprio perchè rappresenta un ottimo frigorifero di voti non utilizzabili in Parlamento per sostenere il sistema democratico. E’ chiaro, d’altra parte, che i sistemi liberi tendono all’equilibrio delle forze. L’assenza di una destra pulita obbliga la DC a movimenti pendolari interni ed esterni che la hanno finora logorata. Ove la DC rifiutasse l’abito moderato che