Pagina:Memorie dei Conti di Thunn 1839.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 21 —


di vivere in perfetta ignoranza intorno alle patrie memorie; gioverà tuttavia darne, a lume degli estranei e de’ nostri posteri, chiara dimostrazione. Certissima prova n’è che tutto il popolo naune e trentino chiamò sempre e chiama i Thunn Ton, e lo stesso castello Belvesino, divenuto Thunn, appellano castello Ton. È anche certo che gli ascendenti dei di Thunn, i Tono, fin da tempi remotissimi abitarono ne’ castelli del distretto di Tono, ed originariamente in quello che si appellò Tono. E che i Thunn discendano in diretta linea dai di Tono, chiaro apparisce dalla loro genealogia, tratta da autentici documenti, il che vedrassi più innanzi dimostrato in questo scritto. Il cangiamento del nome Tono in Thunn è avvenuto in prima per la piccola differenza, anzi per la somiglianza, che pronunziando hanno tra sè le lettere O ed U, avendo alcuni pronunziato e scritto Tuno in vece di Tono, come si legge in molte scritture. Gli ignoranti inserirono poi, senz’alcun bisogno, e con isconcio grande, aggiungendola al T la lettera H, e scrissero Thono e Thuno, come pur leggesi in più documenti. Vennero poscia i tempi (dal secolo decimoquarto in poi) ne’ quali i di Tono ricevettero diplomi di nobiltà da principi tedeschi, ed ebbero dignità ed uffizj in terra tedesca, e s’imparentarono con