Pagina:Memorie per servire alla vita di Dante Alighieri.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Dante a difendersi, nè avendo nel termine prefisso, pagata la somma di ottomila lire, in cui era stato condannato, furono i suoi Beni rubati, guasti, e poi confiscati a tenore della mentovata Sentenza1. Questi suoi fondi furono dopo 40 anni dal suo figliuolo Jacopo riscattati2. E quì potremmo noi esaminare se veramente avanti il suo esilio il nostro Poeta cominciasse a comporre il suo Divino Poema, se di questo non volessimo più acconciatamente in altro luogo parlare.


  1. Ved. Leonardo Aretino, ed il Boccaccio nelle loro rispettive Vite di Dante.
  2. Così apparisce dalla seguente notizia di un pagamento fatto da un figliuol di Dante per ricuperare i Beni confiscati al Padre; la qual notizia è estratta da un libro manoscritto in carta pecora del 1342. al tempo del Duca di Atene, che esiste nell’Archivio del Monte Comune di Firenze a 117. Ella è accennata dal Manni nel tom. XVIII. de’ suoi Sigilli pag. 77. e 78. ma noi l’abbiamo trascritta dall'ann. V. della Soc. Colombaria pag. 164.. "Die VIII. Januarii" Cum Durante olim vocatus Dante quondam Alagherii de Florentia, fuerit condepnatus, et exbannitus per Dominum Cantem de Gabriellibus de Eugubio olim, et tunc Potestatem Florentiae in anno 1302. de mense - in persona et in confiscatione bonorum ipsius in comune Florentiae, pro eo quod debuit turbasse Statum Partis Guelfe Civitatis Pistorii, et commisisse baracteriam, tunc existente in officio Prioratus, et alia fecisse pront in formula dicte condepnationis continetur, et pro quadam alia condepnatione de ipso Dante facta in anno 1315. de mense octobris pr Dominum Rainerium Domin. Zacharie de Urbeveteri olim et tunc Vicarium Regium civitatis Florentie pro eo quod non comparuit ad satisdandum de eundo ad confinia prout in forma dicte condepnationis plenius continentur. Et ut assuerit Jacobus filius quondam Durantis olim vocati Dantis praedicti et filius, et heres pro dimidia Dominae Gemme olim ejus matris et uxoris olim praedicti Durantis dicti Dantis per medietatem pro indiviso unius Poderis tunc comunis cum Francisco patruo suo, et olim fratre dicti Dantis filii olim dicti Alagherii, quod infra Bona sunt relata, et incorporata in Comuni Florentiae in ofitio Bonorum Rebellium, et exbanitorum. Et maxime pro quadam condepnatione personaliter de dicto Dante facta per Dominum Cantem de Gabriellibus de Eugubio ec. dictus Jacobus pro sua petitione facta solvit cum decreto manu scripto S. Andreae Donati de Florentia Notarii Florenos 15. auri Bona vero petita sunt. Una possessione cum vinea, et cum domibus super ea combustis posita in Populo S. Miniati de Pagnola cui a primo 2. via etc. S. Miniato a Pagnola è nel Vicariato del Ponte a a Sieve.