Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI LIONARDO DA VINCI. 145

parole dandar sottacqua, sughero, channello. Nella figura 5, copiata pure dai disegni di Lionardo, vedesi l’uomo galleggiante dal petto in su, mediante un otre o budello gonfio, detto baga da nuotatore da Lionardo1, equivalente al moderno scafandro, che l’uomo pel minore peso specifico sull’acqua sostiene. Un altro nuovo e più strano modo di camminare sopra l’acqua immaginò Lionardo e disegnollo, qual vedesi nella fig. 3 della Tav. 11., scrivendovi a lato: modo de chaminar sopracqua. Se sia questo eseguibile o no, altri sel vegga.

XXXVII. E non solo nell’elemento destinato a pesci voleva il Vinci che l’uomo vivesse e facesse cammino, ma ben anche per le vie degli uccelli e de’venti. Non conoscendosi ai tempi suoi il peso dell’aria, nè la maniera di grandemente rarefarla, nè i gas più leggeri dell’aria stessa, non pensò a volare se non imitando gli uccelli, col battere e remigar delle ale. Avendo quindi i varj uccelli e’l volar loro esaminato2, trovò esser l’ala del pipistrello più facilmente imitabil d’ogni altra, e più adattabile all’uomo. Quindi un’ala di tal forma disegnò ingegnosissima, canne adoperando come più leggere delle verghe, la quale per mezzo di cordicelle e di carucole

  1. Pag. 92.
  2. Pag. 99.