Pagina:Memorie storiche su la vita gli studj e le opere di Lionardo da Vinci.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DI LIONARDO DA VINCI. 171

lavori del Re Lodovico XII. Leggiamo nel Lomazzo1 ch’egli disegnò trenta diverse maniere di mulini, movibili parte dall’acqua e parte da altri agenti, e que’disegni uniti in un libro stavano presso M. Ambrogio Figino. Parecchi disegni di mulini sono pure nel codice atlantico; e fra questi ricordomi di due che molto rapporto hanno con alcuni congegni presentati tre secoli dopo come un nuovo ritrovato, alla Società Patriotica d’agricoltura e d’arti, quando avea l’onore d’esserne il Segretario. Uno mostra come una sola ruota mossa dall’acqua, col movere una ruota dentata, fa girar due e anche tre mole, ed è rimarchevole che la mola superiore di legnio gira sopra quella de sasso: il che può far pensare che s’adoperasse non a macinare il grano; ma a sgusciare il miglio, e fors’anco il riso, operazione che or noi diciamo pilare. L’altra mostra le pale della ruota percossa dall’acqua snodate, cosicchè nel salire, piegandosi, restano pendenti, e gran parte perdono del loro peso, e quindi della loro resistenza ad essere sollevate. Ometto le molte maniere di sifoni da lui disegnati nello stesso libro.

Ma questi erano giuochi per lui, e ben più alto miravano le sue specolazioni, cioè alla navigazione de’nostri canali, intorno

  1. Trattato della Pitt. Lib. 7. Cap. 28.