Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 129


          basto solo al gran cimento,
          quando langue il tuo valor.
               Rende giusto il tradimento
          chi punisce il traditor. (parte)

SCENA IX

Medarse e detto.

Medarse. Come! Nessuno è teco?
Siroe.  Ho sempre a lato
la crudel compagnia di mie sventure.
Medarse. Son giá quasi sicure
le tue felicitá. Deve a momenti
qui venir Cosroe, e forse
a consolarti ei viene.
Siroe.  Or vedi quanto
sventurato son io: del padre invece,
giunse Medarse.
Medarse.  Il tuo piacer saria
poter senza compagno
seco parlar. Porresti in uso allora
lusinghe e prieghi, e ricoprir con arte
sapresti il mal talento.
Semplice, se lo speri! Io nol consento.
Siroe. T’inganni. A me non spiace
favellar, te presente:
chi delitto non ha, rossor non sente.
Pena in vederti è il sovvenirmi solo
ch’abbia fonte comune il sangue nostro.
Medarse. Sará mio merto e la corona e l’ostro.