Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 191


Arbace. Dunque il servirti
è demerito in me? Cosi geloso
eseguisco e nascondo un tuo comando;
e tu...
Marzia. Ma fino a quando
la noia ho da soffrir di questi tuoi
rimproveri importuni? Io ti disciolgo
d’ogni promessa; in libertá ti pongo
di far quanto a te piace.
Di’ ciò che vuoi, purché mi lasci in pace.
Arbace. E acconsenti ch’io possa
libero favellar?
Marzia. Tutto acconsento,
purché le tue querele
piú non abbia a soffrir.
Arbace. Marzia crudele!
Marzia. Chi a tollerar ti sforza
questa mia crudeltá? Di che ti lagni?
Perché non cerchi altrove
chi pietosa t’accolga? Io tei consiglio.
Vanne; il tuo merto è grande, e mille in seno
amabili sembianze Africa aduna:
contenderanno a gara
l’acquisto del tuo cor. Di me ti scorda:
ti vendica cosi.
Arbace. Giusto saria;
ma chi tutto può far quel che desia?
               So che pietá non hai,
          e pur ti deggio amar,
          dove apprendesti mai
          l’arte d’innamorar,
          quando m’offendi?
               Se compatir non sai,
          se amor non vive in te,
          perché, crudel, perché
          così m’accendi? (parte)