Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 317


Alessandro. Agli empi, o Timagene,
si raddoppino i lacci,
che si tolgono a lei. Tornino a Poro
gl’infidi ed Erissena:
questa alla libertá, quelli alla pena,
(due comparse sciolgono Erissena ed incatenano gl’indiani)
Erissena. Generosa pietá!
Timagene.  Signor, perdona:
se Alessandro foss’io, direi che molto
giova se resta in servitú costei.
Alessandro. S’io fossi Timagene, anche il direi.
          Vil trofeo d’un’alma imbelle
     è quel ciglio allor che piange:
     io non venni insino al Gange
     le donzelle a debellar.
          Ho rossor di quegli allori,
     che non han fra’ miei sudori
     cominciato a germogliar. (parte)

SCENA IV


Erissena e Timagene.


Timagene. (Oh rimprovero acerbo,
che irrita l’odio mio!)
Erissena.  Questo è Alessandro?
Timagene. È questo.
Erissena.  Io mi credea
che avessero i nemici
piú rigido l’aspetto,
piú fiero il cor. Ma sono
tutti i greci così?
Timagene.  (Semplice!) Appunto.
Erissena. Quanto invidio la sorte
delle greche donzelle! Almen fra loro
fossi nata ancor io!