Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. I, 1912 – BEIC 1883676.djvu/388

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
382 v - alessandro nell'indie


Poro.  Eccolo: è questo,
 (impugna uno stile)
barbaro sí, ma necessario e degno
del tuo core e del mio. Mori, e m’attenda
l’ombra tua degli Elisi in su la soglia
senza il rossor della macchiata spoglia.
Cleofide. Come!
Poro.  Sí, mori! (vuol ferirla e si ferma) Oh Dio!
Qual gelo! Qual timor! Vacilla il piede,
palpita il core, e fugge
dall’uffizio crudel la man pietosa.
Ah Cleofide, ah sposa,
ah dell’anima mia parte piú cara,
qual momento è mai questo! E chi potrebbe
non avvilirsi e trattenere il pianto?
Cara, la mia virtú non giunge a tanto.
Cleofide. Oh tenerezze! Oh penel
Poro. (guardando dentro la scena) Ecco i nemici.
Perdona i miei furori,
adorato ben mio, perdona e mori. (in atto di ferirla)

SCENA VII

.    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    .    
Alessandro. (a Poro)   E donde
tanto ardimento e tanta
temeritá?
Poro.  Dal mio valor, dal mio
carattere sublime.
Cleofide.  (Oh Dio, si scopre!)
Poro. Io sono...
Cleofide. (va nel mezzo) Egli è di Poro
fedele esecutor. Di Poro è il cenno
la morte mia.
Alessandro.  Ma non doveva Asbite
eseguir tal comando.
Poro.  Or piú non sono
quell’Asbite che credi.