Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 xvii - zenobia


SCENA VII

Egle, da prima non veduta, e detti.

Mitrane. La vita

di Radamisto ecco in tua man. (a Tiridate)
Egle. (Che sento!)
Mitrane. Punisci il traditor.
Tiridate. Si, andiam. (vuol partire)
Egle. T’arresta,
prence: ove corri? Incrudelir non dèi
contro quell’infelice.
Tiridate. E te chi muove
d’un perfido in difesa?
Egle. Io non lo credo,
signor, si reo.
Tiridate. Ma di Zenobia il padre
a tradimento oppresse.
Mitrane. E poi la figlia
tentò svenar. Non m’ingannò chi vide
l’atto crudel.
Egle. Pensaci meglio. A tutto
prestar fé non bisogna; e co’ nemici
piú bella è la pietá.
Tiridate. Le proprie offese
posso obbliar; ma di Zenobia i torti
perdonargli io non posso. A lei quel sangue
si deve in sacrifizio.
Egle. Io t’assicuro
ch’ella noi chiede.
Tiridate. E non richiesto appunto
ha merito il servir, (vuol partire)
Egle. Férmati, oh dèi!
Credi: non parlo invan. Se ami Zenobia,