Pagina:Metastasio, Pietro – Opere, Vol. IV, 1914 – BEIC 1885923.djvu/282

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
276 xx - ipermestra


Plistene. Vuoi ch’io lasci, o mio tesoro,

un amico in tal cimento?
ah! sarebbe un tradimento
troppo indegno del mio cor.
Non bramarlo un solo istante;
ché non è mai fido amante
un amico traditor. (parte)

SCENA VI

Elpinice sola.

Numi, pietosi numi,

deh! proteggete il mio Plistene: è degno
della vostra assistenza; e, quando ancora
d’una vittima i fati abbian desio,
risparmiate il suo petto: eccovi il mio.
Perdono al crudo acciaro,
se, per ferirlo, almeno
lo cerca in questo seno,
dove l’impresse amor.
No, non farei riparo
alla mortai ferita:
gran parte in lui di vita
mi resterebbe ancor, (parte)

SCENA VII

Luogo magnifico corrispondente a’ portici ed appartamenti reali, tutto

pomposamente adorno ed illuminato in tempo di notte.
Danao ed Adrasto.
Adrasto. Dove corri, o mio re?
Danao. Fuor della reggia
un asilo a cercar.