Pagina:Michiel - Notizia d'opere di disegno, 1800.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

94

gi Patavii apud D. Ioannem in Viridario. Hieronymi tamen Nigri Canonici Patavini inscriptio apposita fuit, quæ etiam est longe elegantior & doctior hac nostra; quæ ne videatur a nobis frustra conscripta, illam quoque hoc loco ex ordine apponendam duximus.

andreae crispo brioscho pat.

statvario nostrae tempestatis eximio

vel candelabro aeneo d. antonii

et sepvlchro insigni tvrrianorvm veronensivm

cvm antiqvis conferendo

alexander bassianvs et ioannes cavinvs

testamenti cvratores

amico ben. mr.

hanc perpetvae qvietis sedem pos.

an. m. d. xxxii.


Un’opera dunque del Riccio, da nessuno conosciuta per sua, quest’iscrizione ci scuopre nel mausoleo di Girolamo e Marcantonio della Torre eretto in San Fermo Maggiore di Verona; in cui sei quadri di metallo incastrati si veggono con grandissima quantità di figure nobilmente istoriati, siccome scrisse il March. Maffei, senza sapere chi farne autore (Verona illustrata, P. III. p. 197.). E’ lodato il Riccio da varii scrittori: ma non si suole osservare che anco Pomponio Gaurico nel Dialogo de Sculptura, scritto sul cominciare del secolo sedicesimo, lo ha annoverato fra gl’illustri fusori di bronzo con queste parole: Quin & Bellani, uti volunt, discipulus Andreas Crispus, familiaris neus, cuius inter plastas quoque mentionem fecimus,


po-