Pagina:Milani - Risposta a Cattaneo, 1841.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



131

I2 7

menzogne che il dottore Cattaneo scrisse circa alle cinque piazzette, ai muri di rinfianco ed alle tre gallerie, alle pagine 29, 35 e 4o della Rivista:

u Non si sa come egli dimentico eziandio di valutare la spesa delle tre gallerie che

» egli propone nel Vicentino Intende egli forse comprenderle nei movimenti

» di terra?

» Ma chi direbbe che il Tunnel del Tamigi, a cagione di esempio, sia da valutarsi al » metro cubo come la montagnola o il laghetto di un giardino?

» E i muri di rinfianco e le volte, se non vi è sasso; e se vi è sasso, le mine, perchè 9* non si pongono in conto ? » (pagina 29.)

Ed in seguito: « le cinque piazze lungo il ponte fanno in tutto quasi 9,000 metri di

superficie

« ad ogni modo nella Laguna non sembran opere molto difficili e dispendiose, tanto che il signor Milani non le notò tampoco nel prospetto delle spese ». (pagina 35.)

Ed alla pagina 4: « se le gallerie costassero così enormemente, come avrebbe potuto » il signor Milani dimenticarsi di menzionare la spesa delle tre da lui proposte? »

Quanta piacevolezza di motteggio in quelle montagnole, in quei laghetti di un giardino!

e su qual bel fondamento ! Quanta purissima verità! Quanta sapienza, quanta acutezza di critica !

4i3.° E questi miei spaventevoli sbagli in meno di sei, nove, dieci milioni nelle stazioni, di quattro o cinque nelle guide di ferro, di sei, giusti, nella occupazione di terreno,

di nove e più nei movimenti di terra, se gli appaltatori non ajutano.

Questa mia dimenticanza di valutare le cinque piazzette del ponte di Venezia, le tre gallerie nel Vicentino,

non esser mica errori innocenti*, ohibò! essere u prevaricazioni che io mi sono imposto^ r come, per dir il vero, fanno tutti gli altri ingegneri (pagina 22 della Rivista), al fine di animare gli intraprenditori colla tenuità della spesa (pagina 19 della Rivista. ) (Vedi paragrafo i65 del presente scritto ed Allegato CO.);

come dall’ altro lato mirai a disanimare i soscrittori delP impresa

con quella mia strana proporzione tra P introito delle persone e quello delle cose,

con quella mia bassa tariffa, (pagina 33 della Rivista. ) Che se qualcuno poi dicesse qui al dottore Cattaneo: « signor Dottore, badi che queste sono due accuse che si accapigliano fieramente tra loro »,la risposta che dà per lui Finterà Rivista è questa:

Cosa importa a voi, lasciatele fare; in fine sono due accuse invece che una, sicché è evidente che il numero cresce, e se non siete orbo, dovreste ormai aver veduto che quello che importa alla Rivista non è già di accusar con giustizia, di provare quello che afferma, ma bensì di accusar molto. Oh! vi vorrebbe altro a tener dietro a questi scrupoli, allora vi domanderebbero anche conto di quel

ma la questione fin da principio venne capovolta. & incominciò dal calcolo delle spese, non da quello del ricavo ( pagina 2 1 y, che fa i pugni con quelP altra:

posto il fondamento di un* erronea tariffa, tutti i calcoli di costruzione vennero oltre modo angustiati, (pagine 24 e 25.)

E vi so dire che non la finirebbero più, perchè, messi anche da un lato gli spropositi, Google