Pagina:Mirtilla.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A T T O

Ahime, ch’io sento già ne l’alma acceso
Un focoso desio di possedere
Le celeste beltà, ch’in darno io miro;
O pura, e chiara Fonte,
Chi è costei, che nel tuo sen soggiorna,
Da me non più veduta? che me stessa
A me medesma hà tolta? e m’hà rubata
La cara libertà, con cui solea
Girne sì altera, e lieta? onde tu sei
Nata, per cagionar la morte mia:
Onde ben credo, che l’origin hai
Da Flegetonte, poi che per tua colpa
Tutt’avvampar mi sento; ahi lassa, venni
Al fresco tuo per mitigar l’ardore
De l’assetate labra;
Ma tu sete più ardente,
M’hai posto in mezzo al core;
Ma tu, che in mezzo à l’acqua accendi il foco,
Non dispregiar la mia sincera fede,
E l’amor mio, poi che per farne acquisto
Mille amanti piangendo mi seguiro.
Deh vita mia, poi che non vuol Natura,
Che viver teco in cotest’onde io possa,
Vieni tu meco à dimorarti almeno,
Deh giungi la tua mano à la mia mano,
Con ch’io t’aiuterò, perche tu ancora
Aiutime, cor mio;
Ella stende la mano, o me felice,
Hor sì ch’io son contenta,


Vie-