Pagina:Mirtilla.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A T T O

Che non haveano ancor giogo sentito.
Mir.Non sarà vero mai,
Che in me possino i doni
Quel, che ragion non vuole,
Che possino d’amante i caldi preghi;
Che con amore, il vero amor si compra,
E non con doni; ti ringratio adunque,
E ti prego per Dio, che homai tu lasci
Cotesta tua sì vana, e pazza impresa.
E, se meglio aggradire
Mi vuoi, partiti homai.
Tir.Voglio del tuo voler far a me stesso
Severissima legge, e partir voglio,
E vò lasciar l’impresa;
Ma vò con quella anco lasciar la vita:
Resta crudel più, che le fiere, fiera.
Mir.Può esser, ch’ei se’n vada
Disposto a far di se quel, che minaccia?
Pur troppo sarà vero;
E tu comporterai
D’essere altrui di volontaria morte
Cagion Mirtilla? sei sì cruda? ahi mira
Quel, che tu fai? ma forse egli s’infinge?
Può esser, ma no’l credo,
Nè sò perche no’l creda; ma no’l credo,
E me ne vien pietade,
Misero, e vò seguirlo, e, s’esser puote,
Lui trar da cruda morte, e me d’infamia.




SCE-