Pagina:Mirtilla.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

star gratia silentio alle mie vive parole, e per non infastidirla humilmente me le inchino, bacciandole con ogni riverenza le degnissime mani, e pregandole da Dio ogni suo maggior contento, e felicità.


Di Verona il dì 24. di Febraro 1588.


Di V.E. Illustriss.


               Rumiliss. serva, e devota


                              Isabella Andreini Comica Gelosa.

A    3     AL-