Pagina:Mirtilla.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

A T T O

Che ne l’acqua si crea, poi vive in fiamma,
E tuo farà questo dorato strale.
Mir.Dimmi, qual pesce in Ocean s’asconde,
Che tremar face, chi lo tocca à pena,
E due Caprette havrai biance, e feconde.
Opi.Non più Ninfe amorose, à me conviene
Terminar queste vostre
Amorose contese:
Lite non sia trà voi, dove è cotanta
Parità di valore; & io vi giuro
Per gli alti Dei, ch’à mio giudicio sete
Pari ne la beltà, pari nel canto.
Ben vi dirò, che faticate in vano,
Poi ch’ogn’una di voi
Uranio segue, & ama
E pur v’è noto homai
Ch’Ardelia egli sol ama, Ardelia cura:
Dunque non sia trà voi discordia, o fig[li]e;
Ma lasciate d’amar, chi voi non ama.
Fill.Ciò mi pare impossibile, nè sono
Possente à far, quel, che non vuole Amore.
Mir.Mentre havrò spirto, & alma,
Amerò solo Uranio.
Opi.Non voglio oppormi à i desideri vostri;
Ma poi che non potete, ò non volete
Restar d’amar, chi voi non ama, almeno
Fate per amor mio,
Che trà voi non sia lite, e procurate
Con la sola virtù, con le bell’opre


Di