Pagina:Misure generali del tempo e del luogo nell'itinerario infernale di Dante.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
20

vero e sensibile di Gerusalemme sono ore 2 ½ dopo il tramonto del Sole, come nel Purgatorio sono 2 ½ prima della nascita del Sole; e per conseguenza sull’orizzonte di Gerusalemme sono le ore 9 circa di sera del Sabato santo, mattina agli antipodi nel Purgatorio dove erano Dante e Virgilio. Il Viaggio dunque infernale non è di tre giorni naturali, ma di 26 ore, dalle 7 pomeridiane del Venerdì santo alle 9 di sera del Sabato santo.

Darotti un corollario ancor per grazia.
DANTE Purg. XXVIII, 136.

Con quanta velocità percorse Dante il diametro della terra? L’asse della terra secondo Picard è di 6879 miglia, un raggio dunque sarà di miglia 3439 ½ poichè la circonferenza è di miglia 21600.

Nel secolo IX il Califfo Al-Mammum ordinò la misura di un grado del meridiano secondo la quale sarebbe la circonferenza terraquea di sole 20340 miglie arabiche di 56 ½ al grado. E questa misura fu adottata e tenuta dagli Europei fino al risorgimento delle scienze con Copernico, Keplero, Galilei, Newton, Leibniz, ecc. Per conseguenza il diametro della terra era allora di miglia 6780, ed il raggio di 3890.