Pagina:Monete medaglie e sigilli dei principi Doria.pdf/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70

vato ad litteram. Quelli della prima battuta sono in Nizza appresso Blauet, sì che di questa non si può così distintamente mandare per hora. Bensì per eseguire alla meglio i comandi di V. E. ho fatto fare dal Sig. Aicardi un succinto di tutte le partite per sue mani passate dal principio sin’ alla fine della Zecha, e questo pure qui acluso l’invio; Potrà da Esso V. E. vedere che la lavoratione ha cominciato a 16 febraro 1665 et ha finito a 2 aprile 1669; il suddetto Aicardi è il più informato e pratico di questi successi, perchè per sue mani sono passati tutti li affari e la maggior parte d’argenti. Esso mi dice per cose quasi certificate, che tutte le lavorationi dal principio sin’ alla fine della Zecha arriveranno a 750 in 800 mila pezzi da otto reali de’ quali come V. E. vedrà dal suo conto egli ne è stato l’amministratore per 500 mila in circa. Se V. E. desidera per maggiore sua soddisfattione manderò subito l’istessi libri che delle 2e lavorationi qui si ritrovano; e per quelli delle prime farò scrivere a Blauet che senza dilatione li mandi, e basta che V. E. mi dia un minimo cenno della sua volontà perchè da me sarà sempre essequita con quella maggior prontezza e riverenza che devo, et attendendo i suoi ordini le faccio umilissima riverenza; Loano li 13 Gennaro 1670.

Di V. E.

Devotissimo et Humilissimo Servitore

Pietro B.a Ard.i


DOCUMENTO XII.

Permissione data dalla Sig. Principessa D. Violante a Francesco Moretti di battere ogni sorta di monete nella zecca da esso Moretti formata a sue spese nel castello di Torriglia. — 1665 — 3 Settembre in Genova.


Avendo Francesco Moretti formato nel castello di Torriglia a sue spese d’ordine e permissione dell’Ill.ma Sig. Principessa Lomellini Doria una zecca, la med. Ecc.ma Sig. Principessa concede