Pagina:Myricae.djvu/230

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 myricae


quasi d’un fiume che cercasse il mare
inesistente, in un immenso piano:
io ne seguiva il vano sussurrare,
16sempre lo stesso, sempre più lontano.