Pagina:Myricae.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 myricae

V


Abbandonato



Nella soffitta è solo, è nudo, muore.
2Stille su stille gemono dal tetto.

Gli dice il Santo - Ancora un po’; fa cuore -
4Mormora - Il pane; è tanto che l’aspetto -

L’angelo dice - Or viene il Salvatore -
6Sospira - Un panno pel mio freddo letto -

Maria dice - È finito il tuo dolore! -
8- Oh! mamma io voglio, e dormire al suo petto -

Lagrima a goccia a goccia la bufera
10nella soffitta. Il Santo veglia, assiso;

l’Angelo guarda, smorto come cera;
12la Vergine Maria piange un sorriso.

Tace il bambino, aspetta sino a sera,
14all’uscio guarda, coi grandi occhi, fiso.

La notte cade, l’ombra si fa nera;
16egli va, desolato, in Paradiso.