Pagina:Naufraghi in porto.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 150 —

mondandolo attentamente sopra una tavoletta posata entro un canestro. Giovanna sedeva per terra, davanti al canestro, con a fianco una corba piena di grano color d’oro polveroso: invece d’ingrossarsi, la «moglie dei due mariti», come la chiamavano in paese, s’era dimagrita: aveva il naso un po’ gonfio e rosso, gli occhi cerchiati, e il labbro inferiore sporgente pieno di disgusto. Alcune galline arruffate, che di tanto in tanto starnazzavano lasciando per terra molte piume, assediavano il canestro arrivando talvolta a ficcarvi il becco. Giovanna gridava e imprecava per allontanarle, ed esse scappavano; ma attente, pronte, con una zampa sollevata, a tornare all’assalto appena la giovine si distraeva.

Ed ella si distraeva spesso: aveva gli occhi tristi, o piuttosto indifferenti, come di persona egoista che pensa soltanto ai suoi malanni. Caschi il mondo, ella non può occuparsi che di sè e delle proprie cure. Era anche scalza e discretamente sudicia, perchè zia Martina lesinava il sapone.

Le due donne non parlavano, ma zia Martina teneva d’occhio Giovanna, e quando questa non arrivava a tempo a scacciar le galline, era la vecchia che gridava per allontanarle.

Una volta una delle moleste bestiole ardì salire sull’orlo della corba e piluccarvi dentro.

— Ah! aaahi! — gridò zia Martina; Giovanna si volse bruscamente, la gallina starnazzò e volò via sollevando un piccolo nembo di grano.